Unione mediterranea. I sudici hanno un partito

Ven, 30/11/2012 - 17:54
Unione mediterranea. I sudici hanno un partito

“I meridionali devono alzarsi dai divani, mollare il telecomando e darsi da fare. Se vogliono salvarsi, debbono farlo da soli, nessuno lo farà per loro. L’unità italiana deve essere rafforzata con le energie del sud, niente rivendicazioni né separatismi. Bisogna ricostruire non distruggere. Il sud si può salvare e dare la salvezza all'Italia”. Potrebbero sembrare le parole, con le quali settimanalmente, da un paio d’anni, vi arringo. E invece è, grosso modo, il discorso fatto qualche giorno fa da Luigi De Magistris, sindaco di Napoli, per tenere a battesimo un nuovo movimento politico. Unione Mediterranea. Insieme a Pino Aprile, a Lino Patruno, e altri 597, hanno costituito un partito che mira alla rinascita italiana, a un’Unità vera che dia pari dignità a tutti gli italiani, e spieghi le verità storiche, per andare avanti senza rinchiudersi nelle ripicche e nei particolarismi. Un discorso pacato, serio, che può piacere o no, ma del quale è giusto avere conoscenza. Anche perché, se riuscisse a riunire i tanti piccoli movimenti di ispirazione meridionalista, potrebbe diventare una forza consistente. Un probabile interlocutore e alleato, forse per il PD, se non ho frainteso le parole del sindaco napoletano. O, comunque, un soggetto che si schiera a sinistra dello scacchiere politico nazionale. Io ne scrivo per darvi notizia. Vi dico, anche, che molti dei temi trattati nel convegno di varo di Unione Mediterranea, somigliano alle prediche della rubrica presente. A cominciare dal nome. Io due anni fa vi avevo detto della necessità di un’AREA MEDITERRANEA, che rivedesse l’Italia e l’Europa guardandola da sud. E vi ribadivo, nella prima settimana di novembre, AREA MEDITERRANEA AUTONOMIE SOLIDALI E UNIONI SEPARATISTE, il bisogno di un progetto di sviluppo culturale ed economico, proprio del sud, che tenesse conto delle nostre propensioni e guardasse, in termini solidali, ai nostri fratelli del bacino mediterraneo. Come sempre, vi pongo spunti di riflessione e vi offro elementi di attualità. Scelte, e responsabilità delle stesse, saranno solo vostre.

Autore: 
Gioacchino Criaco
Rubrica: