LA STRADA È APERTA

Dom, 31/01/2010 - 00:00

La pioggia batte contro le sbarre alla finestra. «Che cosa fanno le tapparelle alzate? si sporcano i vetri!» esclama la donna tirandole giù e allontanandosi nella semioscurità. «Pazzesco - dice Anna all’amica – dobbiamo pranzare al buio!?» Francesca sospira: «Ci è andata bene... L’altra sera la lezione è finita tardi e sono rientrata alle otto e mezza. Il tempo di cambiarmi e sono corsa qui a mangiare qualcosa: mi hanno cacciata perché dovevano pulire e “non possono aspettare i miei comodi”.» «Stronze! A proposito, sentito di Lucia? Aveva scoperto che le altre del suo corridoio pagano 300 euro, mentre lei ne pagava 450, e si è lamentata con le ragazze.» «Effettivamente, la sua stanza prima era uno sgabuzzino: ci sono entrati solo letto e scrivania.» «Lo so, ma qualcuna ha fatto la spia e ha riferito alle “padrone di casa” che le ha accusava di averla imbrogliata, così è stata cacciata. A loro dire il prezzo della sua camera è in linea con le nuove tariffe; quello delle altre stanze verrà aumentato di anno in anno fino a raggiungere la stessa cifra.» «Già, ma fino allora, c’è chi paga di più per avere di meno... Non credo sia proprio onesto. Ora devo andare. A stasera.» Alle 22:05 qualcuno suona al cancello. L’oscurità, sotto l’acquazzone, si fa più densa, le ombre sui muri tramutano in giganti, il fruscio delle siepi in mostri feroci. La suora in portineria, braccia conserte, osserva dal videocitofono Francesca che si guarda attorno impaurita; per strada non un’anima viva. Appena l’orologio segna le 22:20, il cancello si apre. Una corsa attraverso il lungo viale e, finalmente, al sicuro e all’asciutto. «È dalle dieci e cinque che suono, non mi aveva sentito?» «Sì – replica l’altra tutta soddisfatta -, ma l’orario di rientro del collegio è alle 22:00: così la prossima volta impari a tardare. Ora vieni a pregare con noi o finirai all’inferno.» «Probabile – ribatte la ragazza -. Solo, per piacere, non fatemi aspettare un quarto d’ora anche là.»

Autore: 
Natalina Misogano
Rubrica: