La messa è finita...

Sab, 26/05/2012 - 18:33
La messa è finita...

Mi accusano, da destra di far la predica e da sinistra di pontificare. Ovviamente hanno ragione da ambo le parti, anche se spesso si sfogano con qualcuno dei miei alter ego che scorazza subdolo da qualche altra parte. Certo che non bisogna sopravvalutarsi, non intingo la penna per vanagloria non essendo la Locride o il Reggino un palcoscenico di levatura immensa. La verità è che sono un grafomane impenitente e le mie trenta o quarantamila battute giornaliere le devo pur piazzare da qualche parte. Così nella mia veste ufficiale a volte produco sermoni e altre sputo sentenze. Comprendetemi però. Parlare con voi non è facile. Non siete più il popolo di una volta, con una visuale corta e opportunamente limitata. La gente di oggi la coscienza ce l’ha consapevole. Sapete, molto più di un tempo. La conoscenza è molto più diffusa e di elementi per ragionare ne possedete a sufficienza. Non siete più massa ignorante, ma qualcosa di diverso e più ostico a cui parlare. Informare, orientare? Per farlo con voi servono capacità che vanno oltre le mie forze. Vi pungolo, a questo si limitano prediche e sentenze. Vi considero, scusatemi la franchezza, bambini viziati. Siete, siamo, tali. Ai bambini cosa gli vuoi dire per convincerli di qualcosa? Usi lo schema classico. Li lisci e li rimbrotti. E io da qualche anno vi urlo e vi accarezzo. Senza risultati ovviamente. Vi dico con un anticipo di mesi cosa accadrà. Puntualmente ne trovate conferma e imperterriti continuata a stiracchiarvi sui divani. Non vi smuove nulla e nulla lo farà nemmeno in futuro. Siete una causa persa, molti ma non tutti. Fingo quindi di rivolgermi ai tanti, in realtà scrivo per i pochi che tentano di reagire. Solo per farvi un esempio, le bombe di Brindisi ve le preannuncio da tempo, non perché sia un genio o abbia canali informativi preferenziali. Sono eventi che nella loro tragicità costellano la nostra presunta storia democratica.
Voi al massimo augurerete ogni male ai responsabili e poi vi girerete a guardare cosa c’è sulla tavola o in tv.  E a questo punto, visto che mi avete stufato vi dico che la messa è finita o l’udienza è chiusa...ma solo per questa settimana.  

Autore: 
Gioacchino Criaco
Rubrica: