Cattivi ed eroi

Ven, 08/07/2011 - 11:14
Cattivi ed eroi

  Quanto è più felice la condizione di chi è cattivo, o lo sembra; abituato a volare basso una caduta può provocargli qualche escoriazione, al massimo. Un suo passo falso cosa può essere, se non la conferma di quanto già si sapeva? Bella la vita del cattivo, che non deve dimostrare niente a nessuno e ogni suo sforzo per migliorarsi verrà ricambiato con una carezza d'incoraggiamento, i suoi fallimenti riceveranno una pacca sulla spalla “che tanto ci ha provato”. Tutto gli fila liscio, niente rancori o gelosie nei suoi confronti qualunque impresa compia; mica si può invidiare uno destinato a finir male. Perché il cattivo non può nascondere il suo pelo nero sotto manti d'agnello. Quale sorpresa se la sua vera natura verrà, prima o poi fuori. Si sprecheranno i “tanto si sapeva”, “io l'avevo detto”, “chi nasce tondo, tondo muore. Ringraziate Dio se vi ha fatti malacarne, o presunti tali, nella vita non deluderete mai nessuno, perché nessuno avrà scommesso mai su di voi. Complicato è lo status di buono, perché alla prima marachella si vedranno i volti colmi d'indignazione, di chi “da lui non se lo si poteva aspettare”. Ah quanto sarà duro vedersi tolto il saluto dai benpensanti perché vi siete portati via dall'ufficio le matite o la carta igienica. E se siete nati nel campo del bene, la cosa da evitare con cura è di diventare eroi. Astenetevi dall'intraprendere la carriera militare, perché potreste diventare generale dei carabinieri e ritrovarvi con una condanna sulle spalle per traffico di droga. O generale della finanza, ed essere accusato di favorire gli intrallazzatori. Se siete entrati in polizia e avete sbaragliato la camorra attenti, potreste essere sospettati di favorire un clan danneggiando gli altri. Occhio a non indossar toghe, che essendo già in tribunale si fa presto a passare dal banco dell'accusa a quello degli imputati. Amici Sudici, per noi il problema non si pone, anzi non lo si fa per me, che anche voi un po' di bontà nell'animo la possedete. Io sono felicemente nato cattivo, o presunto tale. Nessuno mi invidia, e perché dovrebbe .. gioco a scribacchiare e arringare i lupi, ma tutti sanno che è una finta, che sotto abbia il pelo nero e nel bosco nasconda lo schioppo mica è una sorpresa. Attenti voi che siete nati buoni, e con sprezzo del pericolo siete diventati eroi; state diventando una categoria a rischio, birilli che ogni giorno vanno giù. Il destino degli eroi è scritto da sempre, soprattutto quando sono falsi. La metamorfosi è iniziata, sarete presto quello che siete sempre stati: piccoli e tristi sepolcri imbiancati.  

Autore: 
Gioacchino Criaco
Rubrica: